lunedì 15 luglio 2013

Le ricette di Barbara



A Gragnano produrre pasta è un'antica arte, patrimonio di storia, cultura, tradizioni e segreti. Nascere e vivere a Gragnano vuol dire essere pervasi, inebriati dai sapori e dai profumi esaltanti della semola di grano duro, della pasta che ne deriva e… come per magia ... non ne puoi più fare a meno!!! Mario Moccia nostro padre, nel 1976, pur essendo un’importante e storico stagionatore di formaggi, non ha resistito al richiamo dell’essere di Gragnano… ed acquistò un pastificio famoso, ma in una profonda crisi, dedicando, “con non poche difficoltà, in un momento infelice per il mercato della pasta”, tutta la sua vita al restauro totale dell’edificio nel centro storico, alla costruzione del nuovo stabilimento, nonché al rilancio della pasta e dei suo marchi, alla nascita del primo consorzio dei pastifici di Gragnano: il COPAG, contribuendo in modo fattivo ed importante all'affermazione ed alla riqualificazione della pasta di Gragnano sui mercati di tutto il mondo. Dopo anni (dal 1994 anno in cui vendemmo il pastificio) per amore - per passione in onore di nostro padre, abbiamo rifondato il pastificio artigianale con una produzione di grande qualità
Nome:le Colonne di Pompei "lavorate a mano" 
RICETTA
UNA RICETTA MOLTO SEMPLICE DOPO AVER COTTO  le Colonne di Pompei   METTERLE IN PADELLA CON 
PANCETTA, PISELLI E UN PO' DI OLIO, CON DEL FORMAGGIO A PIACERE, FACENDO CUOCERE FINCHÉ NON VEDERE LA PANCETTA CHE RIMANE MORBIDA. 
SERVITELA BELLA CALDA



Nome:La Caccavella  Categoria: Pasta Gigante


 
RICETTA
NOI LA PASTA  La Caccavella LA ABBIAMO PRIMA CUCINATA COME UNA CLASSICA PASTA, QUANDO ERA COTTA LA ABBIAMO MESSA IN UNA TEGLIA, RIEMPITA DI SUGO, SALSICCIA CUCINATA IN PRECEDENZA E SOTTILETTE, MESSA IN FORNO FINO A QUANDO LA PASTA La Caccavella NON FOSSE UN PO DORATA, LA PASTA SI PUÒ CUOCERE ANCHE IN FORNO MA SICCOME MI SERVIVA FOSSE MORBIDA LA ABBIAMO FATTA CUOCERE PRIMA 
SERVITELA BEN CALDA 



Barbara è stata un ottima cuoca , ci ha deliziato dei suoi buonissimi piatti , non son di parte perché  e' mia sorella perché  io con lei sono super critica come lo sono con i miei figli, perché credo che sia molto intelligente e abbia molte doti se non fosse così pigra!! (pigrizia dote di famiglia ).



La Caccavella aveva un aspetto davvero invitante, l'unico difetto che mettendola in forno diventa un po' croccante ma buona.
  
Gragnano, è una meravigliosa cittadina della provincia di Napoli, incastonata come per magia nel cuore dei Monti Lattari, in una posizione strategica, perfettamente al centro tra il golfo di Amalfi ed il golfo di Sorrento, a soli 30 minuti di aliscafo da Capri ed Ischia. Famosissima in tutto il mondo per la gastronomia, Gragnano, da sempre è conosciutissima e desiderata da più di 500 anni per la produzione della prestigiosa pasta, del rosso nettare… vino frizzantino doc, dei saporiti salumi paesani e dallo squisito provolone del monaco, esclusività dei nostri monti. I tanto famosi "maccheroni", dagli ingredienti semplici e genuini: (acqua delle sorgenti di Gragnano,semola di grano duro, passione ,amore e fantasia) erano e sono prodotti con tre differenti tipologie lavorative: a livello familiare dove in casa “le donne gareggiano tra loro a chi avvolge più fusilli a mano in 1 ora…”, a livello artigianale dove “o’ maccarunaro e Gragnano” tramanda da padre in figlio il rispetto dei segreti e delle tradizioni indispensabili, per ottenere un prodotto di eccellente e selezionata qualità; a livello industriale per la buona pasta di tutti giorni.
 buon appetito con la 

fabbrica della pasta GRAGNANO